Indicazioni

Fratture traumatiche e/o patologiche dorso-lombari non superiori a D7 o lombari.

Caratteristiche tecniche

Grazie all’incasso sul punto vita ed al preciso modellamento delle creste iliache, il dispositivo determina un sistema di forze a tre punti di spinta agente sul piano sagittale che mantiene la colonna nel corretto assetto in modo che i carichi non agiscano eccentricamente in corrispondenza dell’area della frattura. Grazie ala conformazione degli assi toracico e pelvico che determinano una curvatura in lordosi della zona lombare di circa 15°-20°, si ottiene un’effetto di compressione idrostatica nella zona lombare che contribuisce alla stabilizzazione ed alla riduzione del carico che agisce in tale distretto.
L’ortesi è realizzata in termoplastico, solitamente polietilene a bassa densità, bianco o multicolor, dello spessore di 3 o 4 mm, a seconda delle caratteristiche morfologiche del paziente e rivestito interamente da materiale morbido depressibile dello spessore 5 mm, così da risultare confortevole e consentire una sufficiente areazione della cute.
Il dispositivo presenta una struttura bivalva: la valva posteriore si estende sul bacino avvolgendo la porzione anteriore delle creste iliache e l’area del sacro, arrivando, superiormente, al di sopra dell’apice delle scapole, mentre la valva anteriore avvolge il tronco dalla sinfisi pubica fino al manubrio sternale, lasciando un’ampia apertura diaframmatica per non inficiare la meccanica dell’atto respiratorio. Lateralmente la linea dell’ortesi termina circa due centimetri al di sopra del trocantere.
Le due valve, sovrapposte sia sul bacino che lateralmente, sono contenute tra loro da quattro allacciature orizzontali a trazione regolabile.

Codici ISO

Il dispositivo è identificato con il seguente codice ISO:

06.03.09.057              Corsetto bivalva dorsolombare con appoggio sternale

Questo dispositivo è adatto alle zone:

Contattaci per maggiori informazioni su ""