7A17 Tutore coscia – gamba – piede a valva con bloccaggio in flessione al ginocchio

Indicazioni

Permette la deambulazione in pazienti affetti da spina bifida che presentano ipostenia del quadricipite con relativa impossibilità di estendere le ginocchia.

Caratteristiche tecniche

La costruzione di questo tutore prevede la lavorazione su misura, previo rilevamento del calco gessato e stilizzazione del positivo.
Costruito in polipropilene di spessore variabile, scelto dal tecnico ortopedico in base a diversi criteri di valutazione (peso del paziente e tipo di cammino), può essere confezionato anche in fibra di carbonio (più rigida, che non accetta deformazioni), in extruse (tipo di polipropilene fornito di memoria, con capacità di deformarsi sotto sforzo e di ritornare alla forma precedentemente impostata). È possibile inoltre inserire rinforzi in carbonio o in metallo per rendere meno deformabile la struttura.
Si vincola il ginocchio con articolazioni metalliche in lega leggera che possono essere di vario tipo (a ponte anteriore, a ponte posteriore, a caduta d’anello) e che bloccano in carico l’estensione ad un angolo valutato e personalizzato a seconda delle deformità presenti sia al ginocchio che all’anca. Un’eccessiva estensione può infatti provocare una accentuazione della lordosi del rachide con conseguente dolore e difficoltà a mantenere la posizione eretta, mentre una eccessiva flessione conduce il paziente a rapido affaticamento. L’impiego di articolazioni metalliche può essere bilaterale (sia mediale che laterale) o unilaterale. In quest’ultimo caso l’articolazione verrà posta solo sulla parte esterna per limitare il peso dell’ortesi, specie nei bambini più piccoli.
Il relativo sblocco permette la flessione dell’arto ed il raggiungimento della posizione seduta. Il coscialino deve essere posteriore così da consentire l’appoggio ischio gluteo (sempre imbottito) migliorando la leva e l’estensione dell’arto.
In caso di lussazione dell’anca è prevista un’invasatura della coscia. La sua aderenza totale alla coscia con scarico del gran trocantere impedisce intrarotazioni ed extrarotazioni, mentre l’appoggio ischiatico spinge verso l’alto l’emibacino compromesso, allineandolo con il controlaterale. L’arto inferiore funzionerà da pilastro bilanciando la parte sovrastante. In genere il cammino avviene utilizzando supporti ortopedici per gli arti superiori.
Le calzature sono parte integrante di questo tutore in quanto bilanciandole con rialzi e piani inclinati possono contribuire ad ottenere un’equilibratura del bacino limitandone l’instabilità.

Codici ISO

Il dispositivo è identificato con i seguenti codici ISO:

06.12.12.051                      Tutore coscia-gamba-piede a valva
06.12.18.196 (x2)             Articolazione malleolare libera
06.12.18.214                      Rivestimento morbido interno al sandalo
06.12.18.229                      Cuscinetto di contenzione
06.12.18.238                      Rivestimento posteriore di contenzione gamba, ginocchio, coscia
06.12.18.259 (x2)            Articolazione di ginocchio con arresto a ponte anteriore/posteriore
06.12.18.328                     Rivestimento delle due aste verticali con fodera in pelle
06.12.18.313                      Appoggio ischio gluteo
06.12.18.226                     Contentore imbottito

Questo dispositivo è adatto alle zone:

Contattaci per maggiori informazioni su "7A17 Tutore coscia – gamba – piede a valva con bloccaggio in flessione al ginocchio"