8C5 Ortesi di stabilizzazione della sotto-astragalica (O.S.S.A.)

Indicazioni

Trattamento delle paralisi cerebrali infantili (diplegie, emiplegie), patologie di tipo neuro-muscolare di lieve entità, mielomeningocele (livello S2 -S3), post-intervento di chirurgia ortopedica funzionale, inoculo di tossina botulinica, alcool o fenolo allo scopo di dare stabilità al piede reso instabile dalla inibizione chimica dell’attività muscolare.

Caratteristiche tecniche

Ortesi sovramalleolari costruite su calco in gesso o sistema CAD-CAM, di tipo dinamico volte alla stabilizzazione e controllo dell’articolazione sotto-astragalica ed allineate ai metatarsi per consentire maggiore scorrevolezza alla deambulazione.
Si tratta di ortesi che offrono una buona stabilizzazione del segmento caviglia-piede in presenza di moderate deformità in valgo pronazione o in varo supinazione del piede, senza limitare la flessione dorsale e plantare.
Le ortesi possono essere realizzate in termoplastico (Fig.1) di spessore pari a 3 o 4 mm o in materiale sintetico semi-depressibile (Fig.2) a seconda delle necessità di sostegno, della lunghezza dell’arto e del peso del paziente. Per aumentare il comfort, il tutore presenta un rivestimento interno in materiale morbido depressibile.
Le calzature predisposte di rivestimento a tutore sono parti integranti del sistema ortesico in quanto stabilizzano il collo-piede e mediante opportune speronature, rialzi e piani inclinati, contribuiscono all’aumento del poligono d’appoggio incrementando così la stabilità.

Codici ISO

Il dispositivo è identificato con i seguenti codici ISO:

06.12.06.012             Ortesi di stabilizzazione della sotto-astragalica (O.S.S.A.)
06.12.18.214              Rivestimento interno

Questo dispositivo è adatto alle zone:

Contattaci per maggiori informazioni su "8C5 Ortesi di stabilizzazione della sotto-astragalica (O.S.S.A.)"