Storia

La forza creativa di un imprenditore, è nella sua capacità di rendere solida un’idea che esisteva esclusivamente nella sua fantasia, di costruire una nuova realtà unendo, su un progetto condiviso, le energie di tante persone.

Fin dalle proprie origini, oltre 40 anni fa, ITOP è stata una “voce fuori dal coro”; la decisione di fondare un laboratorio ortopedico con la mission “Ricerchiamo e sviluppiamo strumenti per una migliore qualità della vita” in una modesta cittadina in provincia di Roma, fuori dalla capitale e distante, in tutti i sensi, dagli altri laboratori ortopedici della scuola romana è sembrata dissennata e premonitrice di un ruolo di secondo piano se non, addirittura, della rapida fine di un sogno troppo ambizioso, alimentato dall’idealismo e dalla lungimiranza del suo fondatore.

Francesco Mattogno nasce a Palestrina il 31 agosto 1954. A soli 15 anni, accompagnando suo zio amputato di gamba, conosce e frequenta le Officine Ortopediche dell’Università di Roma “La Sapienza”. I Tecnici Ortopedici , nel vedere che il giovane unisce alla grande curiosità una notevole capacità manuale, gli propongono di rimanere ad imparare i segreti di quell’arte. Francesco Mattogno acquisisce consapevolezza ed apprende i segreti di questa antica arte. Il giovane allievo Impara non solo le tecniche ed i procedimenti, ma anche le raffinatezze del lavoro, diventando in qualche modo depositario della cultura dei propri insegnanti e loro prosecutore. Ma non si ferma a questo: all’apprendimento pratico abbina quello teorico, conseguendo nel 1975 il diploma di Tecnico Ortopedico all’Istituto di Ancona. Nel 1979, a soli 25 anni, ma con una esperienza decennale alle spalle, decide di fare il primo passo per poter esprimere la sua filosofia nell’interpretare il mondo della disabilità, organizzando a Palestrina un laboratorio ortopedico: la “Tecnica Ortopedica Preneste”, una piccola realtà che può però contare su una grande esperienza passata. Il 1984 fa segnare un nuovo balzo in avanti: la Società cambia sede e abbina alla tecnica ortopedica la fornitura e la personalizzazione degli ausili per la riabilitazione. La “Tecnica Ortopedica Preneste” diventa una realtà per Roma ed il Lazio. Con queste premesse si giunge al 1989, anno di nascita della ITOP.

La Società, il 10 Maggio dello stesso anno, si trasferisce nella sede storica: un edificio di 2.400 mq. Unica realtà privata a livello Nazionale di quel periodo.

Nel 2015 ulteriore crescita e trasferimento nella nuovissima sede sempre a Palestrina alle porte di Roma, sede legale e operativa del gruppo ITOP SpA,

I numeri di oggi raccontano di come, dal 1978 al 2018, quella voce fuori dal coro si sia trasformata in un punto di riferimento nella ricerca, progettazione, costruzione, personalizzazione di dispositivi ortopedici e ausili; dal piccolo laboratorio a un edificio di 4 piani e 7000 mq, oltre 150 collaboratori, tra cui 7 bioingegneri, 50 tecnici ortopedici, 4 addetti tecnici e 60 addetti alla produzione, un fatturato di 20 milioni di euro e 30mila prestazioni annue erogate tramite il Sistema Sanitario Nazionale.